Sguardi sul cinema israeliano -Venezia martedì ultime repliche

 

Per il quarto anno consecutivo, Venezia ospita una selezione del Pitigliani Kolno’a Festival, la rassegna romana dedicata alle novità del cinema israeliano, e quest’anno lo fa in contemporanea con le date capitoline, quasi a segnalare l’ancor più stretta collaborazione fra le due città. Promossa dal Circuito Cinema Comunale e dall ’ADEI-WIZO (Associazione Donne Ebree d’Italia - Sezione di Venezia) d’intesa con il Pitigliani Kolno’a Festival e con il Centro Veneziano di Studi Ebraici, la rassegna - dal titolo Sguardi sul cinema israeliano – si compone di sei film inediti per l’Italia, tutti in versione originale con sottotitoli italiani, scelti fra quelli segnalatisi ai grandi festival internazionali. Prenderà il via martedì 5 novembre con la proiezione alle 17.30 del film di Joseph Cedar Footnote, candidato all’Oscar come miglior film in lingua non inglese, la storia di uno scontro generazionale fra le pareti di una casa dove si eccelle nello studio del Talmud; sempre martedì, alle 20.30, Room 514 di Sharon Bar-Ziv, presente in sala il giovane regista, qui alla sua opera prima per raccontare un altro confronto serrato, fra una giovane investigatrice e un ufficiale dell’esercito sospettato di aver abusato della sua autorità. Seconda giornata di proiezioni giovedì 7 novembre, con la presentazione in sala della rassegna a cura del critico Dan Muggia, seguita da Luxuries di David Ofek, apologo surreale intorno ai temi del “confine” con riferimento all’attualità della Striscia di Gaza; alle 20.30 God’s Neighbors di Meni Yaesh, premiato a Cannes, che indaga sul “

rispetto delle regole” in un quartiere periferico esposto ai rischi della marginalità e, per converso, di un ordine troppo autoritario. Terza giornata, martedì 12 novembre, con Life in Stills di Tamara Tal alle 17.30 e The Ballad of Weeping Spring di Benny Toraty alle 20.30, rispettivamente dedicati ai temi della memoria (il negozio di una fotografa rischia la demolizione e con esso il suo archivio) e del riscatto (il ritratto del musicista di tar Yosef Tawila, che ritrova la forza di suonare dopo una vita di sofferenze). Gli stessi film saranno poi replicati  nelle giornate di giovedì 14, martedì 19 e

Ingresso riservato ai soci CinemaPiù e ADEI-WIZO. Prenotazione consigliata. Schede e servizi sulla rassegna a firma di Dan Muggia e Ariella Piattelli sul numero di novembre del magazine Circuito Cinema, in distribuzione da qualche giorno nelle sale e consultabile on line al sito www.comune.venezia.it/cinema.
Collaborano all’iniziativa il Centro Donna del Comune di Venezia, la Comunità Ebraica di Venezia, l’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Israele a Roma, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane – Fondi 8 per mille.

Articolo tratto da http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/68528

Contatti

Via Tuberose, 14

20146 Milano

C.F. 343450350934

P.IVA 2305943485934

Tel. 9950344335

Email: adeiwizo@adeiwizo.org

Scrivici per saperne di più